Tutto è iniziato ottocento anni fa

Navata centrale S. John H. Calza

Quando la del Rey Don Jaime Valencia prende 1238, i cavalieri dell'ordine di San Giovanni dell'ospedale di Gerusalemme che accompagnano e stabilirsi vicino al quartiere ebraico, da porta Xerea, occupando il palazzo arabo dell'emiro primo le loro ere adiacenti. Vi costruirono una prima chiesa trasformata in un eremo, area dell'albergue-ospedale e il cimitero.

Poco dopo, prima 1255, Ha iniziato la costruzione della chiesa attuale. Nella tua zona più primitiva è una cappella decorata con pitture murali romaniche Corte, alta qualità tecnica e interessante iconografia.

Un intero gruppo di artisti e artigiani sotto l'influenza di una scuola comune utilizzato un racconto biblico, Echi eucaristiche, completamente leggibile per chi l'ha guardata. Diversi nobili del Regno di Aragona e la contea di Catalogna facevano parte dell'esercito del re, tra cui Arnau de Roma, Conte di Pallars e Signore di Foces.

Arnau di Roma aumenterebbe nel sud del cortile di San Juan de el Hospital tutto una piccola cappella funebre, Stile romanico, poco in seguito trasformato in incipiente gotico e che secondo la tradizione il Rey Don Jaime sentito massa. Era circondato da un chiostro del funerale arco-solios, Romana principalmente, che sono stati rilasciati con non poca fatica e studio delle costruzioni che da un secolo e mezzo di rende aveva bagnato e che minacciano di farlo di nuovo.

Non meno interessante è la figura del Signore di Foces, Huesca filatelisti cavaliere nominato procuratore della città da Don Jaime, che noto da documenti porta i suoi artigiani di Huesca a lavorare alla costruzione della parte più antica della Cattedrale di Valencia, la porta del Palau, e nella zona contigua su cui c'è un reconditorio o la camera dei segreti, decorate con murales dipinti dalla stessa fattura che il di san Juan de el Hospital.

In questa casa c'è un piccolo foro sulla corona di spine del Signore; E ' sicuramente servito a depositare nei momenti di pericolo della Sacra Spina corona a San Luis, Re di Francia, ha dato a rey Don Jaime e che faceva parte del suo personale e itinerante reliquiario e questo depositato la valentina SEO. Il resto dei dipinti, nei dintorni di hollow, Essi sono dedicati alla passione di Cristo, completando così la narrazione iconografica. Questo reconditorio servirebbe quasi duecento anni più tardi per depositare il Santo Calice della cena che re Alfonso V il Magnánimo portato a Valencia da Huesca durante l'anno 1424, dal monastero di San Juan de la Peña dove era da 1134.

In San Juan de el Hospital ha la sua tomba dell'imperatrice Constanza de Grecia quali Jaime King ho dato rifugio a Valencia, ospitando a Palazzo reale fino alla sua morte. Nel suo entourage del sovrano, l'imperatrice ha portato molte reliquie da Nicea: Santa Barbara e un Lignum Crucis di notevoli dimensioni.

Colonna e resti scheletrici di Santa Barbara loro in eredità alla sua morte nel 1307 la Chiesa di San Juan de el Hospital, e il Lignum Crucis per la città di Valencia, una delle reliquie più importanti il reliquiario della Cattedrale. Per molti anni è stato con il Santo Calice della cena, fino a quando quest'ultimo è stato disposto su dove è venerata la sala capitolare.

Margarita Ordeig Corsini
Direttore tecnico del Museo dell'ospedale San Juan de el Hospital de Valencia impostare

FacebookTwitterGoogle  WhatsAppStampaPrintFriendlyPosta elettronica