Relazione sul campanile e possibili campane di San Juan del Hospital

Francesc Llop i Bayo (Valencia, 1951), Antropologo spagnolo e suonatore di campane. È un esperto in tutti gli aspetti delle cappe (conservazione, restauro e ritocchi) e suonatori di campane. Ha fatto un inventario di tutte le campane delle cattedrali di Spagna sponsorizzato dal Ministero della Cultura (1.076 campane 94 cattedrali).

Torre campanariaDurante lo sviluppo del progetto Raphael, in 1996-97 e per gli scavi archeologici effettuati nel patio sud del Complesso San Juan del Hospital, ci siamo messi in contatto con Francés Llop, chi era responsabile, nella direzione generale del patrimonio, dall'area di Archeologia ed Etnologia.

I vostri consigli, interesse e cortese attenzione, sono stati un supporto fin dall'inizio.

Successivamente quando si avvia il Master Plan sul monumento e le dipendenze, dal Ministero della Cultura, in cui ogni area del complesso è stata studiata nei minimi dettagli, Abbiamo deciso di informare e guidare lo studio del campanile della chiesa, difficile accesso.

Francès Llop è un grande conoscitore ed esperto di campanili e dei loro tocchi. Ha sido durante años el organizador y recuperador de esta tradición. Nessuno meglio di lui per dirci cosa ha visto, com'era e perché alcune domande sulla torre abbandonata.

Non è stato facile salire a trovarla. L'inizio della scala a chiocciola che sale dove c'erano le campane, inizia all'interno di una telecamera nascosta, il cui accesso è alto quasi sette metri e si deve salire una scala sorretta da conci che si inarca a causa del peso.

L'antico accesso a questa camera, è stato eseguito all'interno del muro, in un "caraçol" (come dicono i documenti), molto stretto, oculta a su vez la entrada al mismo.

Tieni presente che il campanile non era ancora stato costruito. Quello che era al suo posto era un campanile sopra la porta romanica, come si può vedere nel piano di P. Tosca.

Durante la costruzione, e nelle s. XVIII, l'attuale campanile, le sue pareti poggiavano sugli archi a sesto acuto della stanza nascosta, che funge da download. Realizzazione di una scala esterna nella ristrutturazione del patio e delle stanze adiacenti, tutto in condizioni terribili, è stato demolito; essendo così isolata la torre che non aveva più, né le sue campane né qualsiasi altra funzione dopo la Guerra d'Indipendenza e la successiva confisca.

Lupo francese, Vi ha avuto accesso ed è stato in grado di dirci cosa pubblichiamo qui oggi.

CIRCA LA CAMPANA E LE POSSIBILI CAMPANE DI SAN JUAN DEL HOSPITAL

La torre e le campane

Siamo riusciti a salire alla torre di San Juan del Hospital, difficile accesso, approfittando dell'opportunità del ponteggio situato nella cappella laterale che funge da sacrestia, un 14 Luglio di 2001, accompagnando il Rettore, DOPPIE. Manuel de Sancristóval y Murua, a Doña Margarita Ordeig, responsabile delle collezioni artistiche del gruppo, e un uomo che agisce come un servitore della chiesa.

La stanza della campana, di piccole dimensioni (un quadrato di 2 metri laterali) ha quattro aperture, rivestito con rete metallica per impedire l'ingresso dei piccioni, e uno di loro parzialmente accecato da un pannello di legno che funge da accesso al tetto della chiesa.

Nella sala sono presenti diversi resti che denotano l'esistenza di due campane medie, uno di fronte all'altro, così come un altro piccolo perpendicolare a questi, e alcuni mechinales nelle finestre che corrispondono a quella piccola campagna e un altro parzialmente bloccato da muratura. Ci sono anche un paio di buchi nel muro sotto le due campane mancanti, oltre a due banchi da lavoro, probabilmente per il riposo della suoneria. Nella scala elicoidale per accedere alle campane sono presenti due assi di legno con una coppia di fori ciascuna, quello avrebbe dovuto servire da guida per gli archi che permettevano di suonare le campane dal basso.

Campane esistenti

Oggi non c'è la campana, ma pensiamo che ci fossero due grandi campane, probabilmente ancora esistente nella parrocchia di San Juan y San Vicente, così come un altro minore, per i segnali.

L'esistenza di due campane è confermata da due modi diversi. C'è un manoscritto, opera di Mariano Folch, que describe las campanas de la ciudad de València, iniziando a contare dal più piccolo e indicando l'orientamento del più grande. Questo documento è datato a 1840, quando i conventi furono confiscati. Parla di due campane, Barbara e Giovanni Battista, situato il più grande a sud. Uno è dedicato a Santa Barbara, per la sua Confraternita, e l'altro a San Juan Bautista per essere il capo della parrocchia.

D'altro canto, nella nuova parrocchia di San Juan e San Vicente ci sono due campane, situato su una terrazza che si affaccia su via Isabel la Católica, e installato con giogo in ferro ma senza meccanismi automatici, e che praticamente non tocca (una delle ultime volte che hanno suonato, di cui siamo stati testimoni involontari, è stata la morte di Papa Juan XXIII). Queste due campane, prima della guerra civile, mancano di un nome proprio, e secondo i dati in nostro possesso, il minore porta l'iscrizione AVE MARIA PIENA GRAZIA così come le incisioni della Crocifissione, dell'Immacolata, di Santa Barbara e una croce di Malta, così come uno scudo della Spagna circondato da bandiere. Potrebbe essere datato alla fine del XVIII. L'altra campana reca l'iscrizione A SPESE DEL SIG. CURA D. JOSE CASANOVA GIMENEZ ANNO 1900, così come il marchio di VICENTE ROSES E QUELLI SI STANCHERANNO. È adornato da una croce, un anagramma di Gesù e un anagramma di Maria. Il primo ha un diametro di 63 cm e un peso di circa 144 chili, mentre il secondo ha 74 cm y 234 chili circa,.

La diversa denominazione non è contraddittoria: è usuale tra le campane valenciane che il nome assegnato, il nome con cui sono tradizionalmente conosciuti, non corrisponde a quella scritta sui fianchi. Oggi quei nomi coincidono, ma prima l'assenza di un nome non era strana (come l'eiaculazione della campana minore o la dedica della campana maggiore) nel modo in cui comprendiamo e applichiamo oggi.

Secondo le informazioni di Folch, la campana principale era situata a sud, questo è verso il lato del tetto della chiesa.

Sicuramente c'era una terza campana, molto meno, nella torre, situato sul lato est, e questo probabilmente è servito altrettanto per gli annunci quotidiani (preghiere) quanto ai segnali ai campanari di eseguire i loro tocchi.

In consecuense, lungo la scala ci sarebbero due funi: uno per la campana principale e i suoi segnali (la preghiera tocca, delle anime, anche toccare il segnale alla massa) e un'altra corda per il campanello "di segnalazione", cioè questo minore, ora inesistente, e probabilmente non girerebbe ma oscillerebbe, sebbene secondo le mani e la conoscenza del sacrestano sapesse suonare con colpi lenti, come se fosse a metà volo, a ripetuti colpi dopo un silenzio, come se girasse.

La stanza della campana

L'assenza di graffiti nella stanza ci dà poche informazioni sui campanari, campane e anelli, se scartiamo una croce, insolito nei nostri campanili, situata appunto sulla possibile campana più grande e dipinta con lo stesso rossastro utilizzato per la conservazione all'aperto dei gioghi lignei. Altra grafite, fatta questa volta con l'olio usato per ungere gli assi delle campane e facilitarne la rotazione, indica “Barbara”, la campana minore della torre.

Torre campanariaTuttavia, una serie di quattro fori nelle due finestre est-ovest ha attirato la nostra attenzione., dove le due campane più grandi non erano. Nella finestra ad est la luce era stata ridotta, per mezzo di due pilastri annessi, sicchè alla sua estremità si trovava la suddetta campanella dei segnali. En el lado contrario el vano se cegó parcialmente con un muro, probabilmente per evitare correnti d'aria per la suoneria oltre che per migliorare l'acustica della stanza. A bassa altezza c'è una tavola di legno, che si spiega con i quattro mechinales sopra menzionati.

Questi fori possono essere intesi come la base di due travi di legno su cui verrebbero installate una serie di assi per facilitare la rotazione manuale delle due campane più grandi.; di conseguenza il tabellone situato sul lato ovest fungerebbe da guida notturna (le campane erano collocate sugli altri tre lati). La presenza di questa piattaforma intermedia presuppone un impoverimento del suono delle campane, poiché una sola persona può far girare entrambe le campane o due bambini possono occuparsi di quella svolta, con molta meno grazia e varietà ritmica. I due fori situati all'incirca 70 cm nella boiserie che chiude la base dell'apertura (che tra i campanari valenciani si chiama "mamperlat") La loro funzione è quella di effettuare piccoli salti necessari per girare tramite una corda avvolta attorno al braccio della campana.. Questa tecnica, un po 'più complicato permette anche il suono delle due campane da parte di una sola persona, fintanto che hai la tecnica e la resistenza per farlo. Come abbiamo sottolineato, la successiva comparsa della pedana indicherebbe il tocco da parte di bambini o anziani, come misura alternativa.

Proposte di restauro camere

La stanza deve contenere i quattro “mamperlats” di circa 100 altezza cm, che non servono solo a proteggere le persone che accedono, ma e soprattutto per l'acustica. Anche una volta superiore deve essere recuperata, scomparso, e questo aumenterebbe la risonanza della stanza. Sarebbe altrettanto conveniente, all'epoca del restauro della torre, individuare due fori verticali, al centro di ciascuno degli archi delle finestre, di ciascuno 6 diametro cm, per facilitare il passaggio di imbracature o altri sistemi per salire, muoviti e tieni le campane nella stanza.

Protezione contro i piccioni, ora felicemente risolto per mezzo di una rete metallica provvisoria che copre le aperture interne, Deve essere considerato in un modo o nell'altro a seconda di come è concepito l'insieme delle campane del tempio nel caso di campane rotanti, questi non dovrebbero avere ostacoli per il loro movimento, mentre nel caso di cappe fisse, possono rimanere all'interno della torre, con una chiusura difensiva contro gli uccelli. L'una o l'altra alternativa dipende dalle campane scelte per la torre.

Le campane: possibili alternative

Le piccole dimensioni della torre, la vitalità cultuale del tempio così come altre componenti culturali o liturgiche delimitano il quadro di utilizzo delle nuove campane. Ci sono altre limitazioni, come sono le immagini o l'altezza ridotta della torre, che incorniciano ulteriormente le possibilità di posizionamento di un set di campane.

  • Numero di campane - Sembra necessario aumentare il numero di campane per la torre: A partire dal, come in passato sono insufficienti. Probabilmente ce ne vogliono almeno quattro, a meno che non scegliamo un carillon, dotato almeno dodici.
  • Tipo di tocco: campane a carica - Visualizza le dimensioni della torre, si potevano trovare solo quattro campane rotanti, che è il modo tradizionale di suonare nella città di Valencia. Tuttavia, per di qua, sonoro e visivo, è molto limitato dalle condizioni del campanile, quello visibile solo dal cortile della chiesa stessa. Difficilmente si vedevano le campane girare, anche se sono stati ascoltati L'installazione di una serie di campane che potrebbero essere girati automaticamente o, come è consuetudine ora, sarebbe limitato non solo dalla mancanza di visibilità della torre, ma anche a causa del difficile accesso ad esso, ora per mezzo di un'impalcatura e successivamente da una lunga scala verticale. Probabilmente si dovrebbero chiamare le quattro campane, dal più basso al più alto, San Josemaría, SANTA MARIA, Santa Barbara, San Giovanni Battista, individuando il più grande ora verso il patio nord, la mediana al ponte sud, la Maria a est e la piccola a ovest.
  • Tipo di tocco: carillon - Il carillon, Questo è il set di campane sintonizzate per suonare melodie, è insolito nelle nostre terre. Non ce n'è quasi uno storico, fuori servizio, nella Cattedrale di Xátiva, e un concerto nella Basilica di Sant Pasqual de Vila-real, uno strumento monumentale di 72 campane (più altri 12 svolta). Tuttavia, esiste già un piccolo strumento molto più vicino a questa torre, nell'Eremo di Santa Llúcia nella capitale stessa, solo con 8 campane, costituendo il nucleo di un futuro strumento da concerto, e suonano melodie, religioso o civile, ogni ora in punto dalle dieci del mattino alle otto di sera, a parte i tocchi della preghiera e delle anime, così come i segni di messa.

Chiesa di San Juan de el HospitalQuesto strumento non ha campane mobili, ma serve a creare melodie, vale a dire un modo diverso, molto più colto, suono delle campane Perché il carillon sia uno strumento da concerto dovrebbe avere almeno 21 campane, e una tastiera manuale, oltre ai meccanismi elettronici per il tocco automatico. Il maggior numero di campane potrebbe implicare una dimensione inferiore., e possibile partecipazione di vari donatori, persino incidere il suo nome sulla campana (sebbene si raccomandino le decorazioni e le iscrizioni più piccole possibili, per la musicalità delle campane). L'aumento fino a ventiquattro e anche trentasei campane (più sono difficili da individuare, se è necessario aggiungere la tastiera) potrebbe trasformare non solo l'ensemble in uno strumento da concerto ma, e soprattutto, in un solido punto di riferimento della città. Ovviamente si dovrebbe sempre cercare di includere una tastiera manuale che permetta di avere artisti internazionali, mentre con una tastiera elettrica non vorrebbero suonare lo strumento.

Le due alternative sono esclusive, a causa delle piccole dimensioni della torre, sia nel volume interno che in altezza. Probabilmente il capovolgimento, più spettacolare, era più tipico della parrocchia tradizionale, ma in questi momenti in cui la Chiesa di Sn Juan del Hospital costituisce un centro speciale di spiritualità, questa differenza potrebbe anche essere contrassegnata da un diverso suono di campane.

Crediamo che tutti questi elementi di giudizio debbano essere presi in considerazione, prima di procedere con il restauro della torre, poiché l'azione architettonica da realizzare dipende anche dall'una o dall'altra decisione.

Valencia, 22 Luglio 2001

Dr. Francesc LLOP I BAYO

 

 

 

Come si può anche....