Il bugnato gotico-rinascimentale

Vi raccontiamo la storia e la possibile origine delle sedie trovate nel presbiterio della Chiesa di San Juan del Hospital, dietro l'altare maggiore.

COME È ARRIVATO ALLA CHIESA DI SAN JUAN DEL HOSPITAL

intorno anni 1950 A 1960, Baroni della Royal Giura, excmos. signori. DOPPIE. Muller e Luis Ferrer e sua moglie, Doña Blanca Morenes e Carvajal, Hanno acquisito una sezione smontato di un antico concio, di provenienza sconosciuta. Il lotto è stato trasferito in un'azienda agricola, baroni di proprietà.

In 1996, DOPPIE. Jaime Muller e Morenes, figlio di D. Luis e Doña Blanca, si offrì di D. Manuel de Murua e Sancristoval, rettore della chiesa di San Juan del Hospital di Valencia.

I pezzi delle sedie erano costituiti da otto fianchi con braccioli in perfette condizioni e cinque sedili con le rispettive misericordias.. Va bene almeno una in cattive condizioni. Made in Fiandre rovere.

Durante l'anno 1997 si trovavano nel presbiterio della chiesa di San Juan del Hospital.

RESTAURO DI PROCESSO:

nel dicembre del 1996 il 13 pezzi al laboratorio di falegnameria dei Fratelli Arnal Domingo, a Serra, (Valencia) da ristrutturare.

pezzi di legno mancanti, come si può vedere nelle fotografie allegate, Sono stati fatti inizialmente in rovere francese.

Una volta in officina, Essi sono stati levigati per allentare la sporcizia accumulata e vecchia vernice e potrebbe apprezzare meglio la dimensione dei braccioli: semplice e stilizzato.

lavoro, molto laboriosa per le esigenze storiche ed artistiche ne derivano, è stato completato in aprile 1997. lavoro speciale è stata dedicata ai "misericordie", che potrebbe essere fedelmente restaurato, Almeno uno di loro che è stato riprodotto integralmente nello stile dell'originale.

una volta restaurato, in 1997 trasferito nella chiesa di San Juan del Hospital, e stavano nel presbiterio, dietro l'altare maggiore, dove sono attualmente.

Una volta lì si procede per i pezzi di legno tono equalizzazione con lo smalto e cera. Questo lavoro è stato eseguito dallo specialista del restauro, Mª Teresa Alapont.

bracciolo dettaglio: prima di essere levigato, in parte e poi.

 

Parte dettaglio rovere francese, prima di essere scolpito, il reinserimento di misericordia

 

– Nella foto in alto: due laterali del concio con il poggiatesta, un pezzo, collocato grezzo. – sul fondo: poggiatesta e tagliare e preparati per il bloccaggio finale.

POSSIBILE PROVENIENZA DEI SEDI:

L'origine originaria degli stalli è sconosciuta, poiché quando i baroni del Giura Reale lo acquistarono, non esisteva alcun documento che ne attestasse l'origine.. Finora sono state considerate due ipotesi sulla sua origine..

Fino all'anno 2022 e sulla base dei dati disponibili, si credeva che gli stalli del presbiterio della chiesa di San Juan del Hospital potessero provenire dal monastero di San Benito de Calatayud.

Uno studio condotto nel corso dell'anno 2022 dal dottorando Voravit Roonthiva dell'Università Rovira i Virgili di Tarragona, sostiene che potrebbe provenire dagli stalli del coro della chiesa parrocchiale di Santa María de Agramunt (urgente).

Possibile origine del Monastero di San Benito de Calatayud

Il monastero di Calatayud, è stato costruito negli anni s. XII, annessa al Monastero benedettino di Oña. Gli stalli sono stati realizzati per il coro della chiesa, situato in alto ai piedi di questo. più tardi, nel decennio di 1950-60 È stato disposto nell'abside. Quando il convento comunità chiusa e si è trasferito al Monastero di San Benito de Zaragoza, il giorno 31 Luglio di 1969, Hanno preso con sé il concio, che si suppone fosse completo e in buone condizioni.

Arrivò anche lui al nuovo convento, per motivi simili, Monastero bancarelle Corella (Navarra), optando per quest'ultima luogo che risponde meglio ai desideri della comunità, per il numero di posti a sedere e così familiare che era per i religiosi.

Di 1970 vendettero le bancarelle di Calatayud a un antiquario.

Possibile origine della chiesa parrocchiale di Santa María de Agramunt

La chiesa parrocchiale di Santa María de Agramunt (urgente) È una chiesa romanica dichiarata BIC nel 1931.

Gli stalli della chiesa di Santa María de Agramunt erano inizialmente costituiti da 25 sedie in legno di quercia.

Il coro era inizialmente situato nella navata principale. In 1876 si è trasferito in tribuna alta. In una fotografia scattata nell'anno 1936 di Joan Pons Farré si può vedere l'alta tribuna con gran parte degli stalli del coro. Durante l'anno 1952 la tribuna alta fu soppressa e ciò comportò la perdita di gran parte degli stalli. Solo nella chiesa di Santa María de Agramunt 10 lati, otto sedie e otto misericordia originali. Il resto dei pezzi delle bancarelle sono stati venduti in due lotti.. Non esiste alcun documento che indichi la data esatta della vendita di questi lotti o dove siano finiti..

Probabilmente una parte degli stalli fu acquistata dalla famiglia Muller e Ferrer, baroni del Giura Reale in un antiquario della provincia di Tarragona.

Uno studio condotto nel corso dell'anno 2022 dal dottorando Voravit Roonthiva dell'Università Rovira i Virgili di Tarragona, ha permesso di identificare nella fotografia degli stalli della chiesa di Santa María de Agramunt realizzata da Pons Farré nell'anno 1936 tre medaglioni dagli stalli della chiesa di San Juan del Hospital de Valencia.

Fotografia del Coro della chiesa di Santa María de Agramunt nella galleria alta durante l'anno 1936.

 
Miguel Bayarri nos habla sobre la donación (de la familia Muller) y restauración de la sillería: 

Come si può anche....