“Piani di Cremades: un amico di famiglia di San Josemaría”

Alla fine del mese scorso il libro è stato pubblicato in digitale: Piani di Cremades: un amico di famiglia di San Josemaría. Presto sarà pubblicato su carta.

Il suo autore, Don Javier Cremades Sanz-Pastor è il fratello del rettore di San Juan del Hospital, cerca di riflettere in questo libro come San Josemaría, un uomo di Dio, era umanamente: vicino, affabile, amorevole e molto utile. Anche come viveva l'amicizia. Racconta molti dettagli di una casa cristiana, casa luminosa e allegra. E come ci dice Don Carlos Cremades, “una casa che grazie al cielo, il Signore mi ha concesso il dono di far parte ”.

Don Carlos ci presenta il libro:

Di seguito trascriviamo l'articolo completo sul libro pubblicato sul sito web dell'Opus Dei su

"I dettagli che ci avvicinano a Dio di questo santo che tutti possiamo ricevere"

Mons. Javier Cremades Sanz-Pastor (Zaragoza, 1946), sacerdote di 1973, ha svolto la sua attività pastorale a Pamplona, Santiago de Compostela, Madrid e Torreciudad. Confinato in questi giorni a casa sua - come tutti loro—, ha una malattia polmonare che richiede di essere particolarmente cauti con il coronavirus, ma non ti impedisce di telelavoro. Ha appena pubblicato un libro intitolato "I piani dei Cremades" sul rapporto di San Josemaría con la sua famiglia.

STORIE BIOGRAFICHE
Opus Dei - "I dettagli che ci avvicinano a Dio di questo santo che tutti possiamo ricevere"
La famiglia Cremades Sanz-Pastor con San Josemaría, in 1973.

Google Play (gratuito) ► Piani di Cremades: un amico di famiglia di San Josemaría

ePub y PDF (Download gratuito da Bubok) ► Piani di Cremades: un amico di famiglia di San Josemaría

Mela (gratuito)Piani di Cremades: un amico di famiglia di San Josemaría

Amazon (gratuito) ► Piani di Cremades: un amico di famiglia di San Josemaría


Perché ci è voluto così tanto tempo per scrivere questo libro o, in altre parole, perché pubblicarlo ora?

Quando ho visto il mio declino della salute, Mi sono reso conto che è stato un peccato non scrivere per iscritto le molte grazie di Dio che ho ricevuto attraverso San Josemaría e la meravigliosa famiglia in cui sono nato..

Anche se sulla vita di San Josemaría ce n'è scritto molto, mi è sembrato di poter contribuire con alcune cose dal lato più quotidiano e umano. Non lo vuoi, le biografie hanno un punto di serietà che rende il personaggio un po 'distante. Le riprese che teniamo degli incontri con lui mostrano anche la sua vicinanza e la sua gioia, ma sono ancora incontri più o meno affollati.

Javier Cremades Sanz-Pastor
Javier Cremades Sanz-Pastor

Non è la gratitudine che San Josemaría ha mostrato alla sua famiglia dal 22 Aprile di 1941?

Mio padre rese facile a San Josemaría baciare sua madre (+22.IV.1941) prima che la seppellissero. Stavo predicando fuori Madrid e dovevo tornare il più presto possibile. Mio padre gli ha fornito un'auto e il pass necessario per viaggiare su strade impraticabili, e con abbastanza legami di benzina, perché il carburante era razionato.

Siamo abituati a vedere i santi in piedi su piedistalli sugli altari come intercessori davanti a Dio., come se non fossero carne e sangue. In molte delle sue biografie il suo lato umano è nascosto, e ancora di più i suoi difetti e limiti, come se fossero ostacoli alla santità. Ma basta aprire il Vangelo e vedere la vita dei primi discepoli scelti dal Signore, rendersi conto che questo approccio è sbagliato. Per essere santo devi essere molto umano, e l'apprezzamento ne è una chiara manifestazione.

Qualsiasi aneddoto non pubblicato che non appare nel libro?

Mi viene in mente uno molto piccolo. Un giorno ho ricevuto una lettera dalla mia sorellina, che quindi deve avere 15 anni, in cui mi ha raccontato le sue avventure.

Sono stato incaricato dal Padre [San Josemaría]: di dirle di pregare per lei perché aveva iniziato a fare il ricerca interiore di notte, e ero preoccupato perché, come contò, sospeso ogni giorno. Quando ho detto al Padre, era molto divertente e mi ha detto di rispondergli per lui, dicendo che avrei pregato di più per lei., ma non preoccuparti, poiché gli è successa la stessa cosa: che molte notti ha terminato il suo esame di coscienza dicendo: "Signore, perdona. Oggi Josemaría non è contenta neanche di Josemaría ”. E per stare in pace dopo aver fatto un atto di contrizione, perché Dio è molto buono.

La famiglia Cremades con il fondatore dell'Opus Dei, in 1971
La famiglia Cremades con il fondatore dell'Opus Dei, in 1971

Qualche consiglio per quelli di noi che non sono stati fortunati - e responsabili - di aver ricevuto così tanti dettagli da un santo?

Il consiglio che do nel libro. I dettagli che ci avvicinano a Dio di questo santo che tutti possiamo ricevere, perché dal cielo continua a intercedere per noi, soprattutto dal popolo dell'Opus Dei, per coloro che partecipano alle loro attività e per molti cooperatori e amici che hanno scoperto in San Josemaría un grande complice e intermediario per accrescere il loro amore per Dio. Se qui sulla terra non mi fermassi, in cielo si muove molto di più: Dio ti lascia fare. Da quando il libro è stato pubblicato online, ho ricevuto molte e-mail e comunicazioni da parte di persone che confermano quel palese aiuto di San Josemaría, che San Giovanni Paolo II chiamò "il santo dell'ordinario".

Puoi essere aragonese e universale allo stesso tempo?

Qualche esempio, tra molti altri possibili: la Virgen del Pilar divenne aragonese nel I secolo. E, ad un altro livello, Ricevo qualche altro nome: Mittente, Baltasar Gracian, Miguel Servet, Buñuel, San José de Calasanz, San Josemaría, i miei genitori… e, anche se sembra che io stia bluffando, Io stesso sono aragonese e universale allo stesso tempo: dico davvero.

Copertina del libro
Copertina del libro

La Vergine del Pilar è molto presente nella vita di San Josemaría, come un buon aragonese. Eventuali dettagli meno noti di quella speciale devozione?

In un'occasione stavo viaggiando da Roma a Saragozza e, prima di partire, Mi ha dato la benedizione del viaggio e mi ha reso una commissione molto precisa: vai a Pilar da te, dire alla Vergine che l'amava follemente e molte altre cose: tutto ciò che mi viene in mente. Non mi ha specificato di più. Inutile dire che ho l'impegno con cui ho adempiuto a questa commissione il meglio che potevo, sebbene, non importa quanto sforzo ho messo, Sicuramente sono rimasto a corto di espressioni di affetto per la Madre di Dio da parte sua.

Sono quasi passati 50 anni della morte di Josemaría Escrivá. Molto è stato scritto e altro è stato detto. Secondo lui, C'è ancora un aspetto nella tua vita, o qualche tratto del suo personaggio, per scoprire o che non è stato approfondito?

Quella domanda è un mare senza costa. Lo lascio agli storici e a coloro che hanno vissuto molto vicino a lui. Ma posso assicurare che non c'è niente di più vicino, più amorevole, più accattivante e felice di essere nato in una grande famiglia cristiana e di vivere con una persona veramente santa. Chiedo ai lettori di pregare per me perché dovrò rendere molto conto a Dio nostro Signore.

Come si può anche....